Adattare le aspettative di un immigrato

È ovvio che ogni persona che intende trasferirsi all’estero ha una serie di aspettative. Nessuno fa il passo coraggioso di trasferirsi dal luogo che ha sempre considerato casa propria a una terra sconosciuta senza aspettarsi nulla di buono. Che le aspettative siano eccessive o realistiche, fanno sempre parte della vita di un immigrato.

Sono le aspettative che una persona ha nei confronti di un Paese a determinare se alla fine si troverà bene o si sentirà frustrata. In tutta onestà, due immigrati avranno un’esperienza drammaticamente contrastante di un Paese soprattutto a causa di ciò che si aspettavano inizialmente da esso.

Chiunque abbia viaggiato verso nuove destinazioni vi dirà che una o due cose saranno andate storte o in modo inaspettato. Queste esperienze sono reali e vivono in forme diverse. Per dirla in modo colloquiale, le cose sul campo possono essere molto diverse, ma bisogna adattarsi.

Un caso tipico è quello di chi si sposta da un Paese meno sviluppato a uno sviluppato nella speranza che tutto sia roseo, per poi scoprire che anche lì la gente deve darsi da fare. O meglio, si è costretti ad accettare lavori inaspettati e notevolmente al di sotto della propria qualifica per poter sopravvivere.

Aspettative comuni in una nuova destinazione

Nella maggior parte dei casi, le destinazioni e i Paesi si presentano in modo particolare per mostrare solo il lato positivo. Nessun Paese metterà volontariamente in mostra ciò che non va in esso e nel popolo. Spesso, quindi, un nuovo arrivato ha questa particolare speranza che nel nuovo posto le cose vadano meglio che a casa.

Anche se la positività ha il suo posto nella vita di tutti, non significa necessariamente che tutto andrà come previsto. Invece, in un modo o nell’altro, le cose si svolgeranno in modo diverso, in positivo o in negativo.

Come chiunque vi dirà, nessuno lascia il luogo che chiama casa per trasferirsi in un altro posto se non c’è la promessa che lì le cose possono essere migliori. Per un turista, l’aspettativa è che ci siano belle attrazioni nella destinazione, centri di ricerca adeguatamente attrezzati e dotati di personale per un ricercatore o opportunità di lavoro adeguate e così via.

Ma l’elefante nella stanza è come gestire le svolte e i colpi di scena che minacciano di oscurare completamente le aspettative. Per esempio, trovate gli standard di vita molto alti, l’ambiente meno tollerabile e la cultura eccessivamente restrittiva.

Cose inaspettate per un nuovo arrivato

Tutto ciò che sorprende le persone o che ne stravolge le aspettative varia da persona a persona. Anzi, oserei dire che le aspettative sono tante quante i nuovi arrivati. Ogni persona si muove con un interesse o un’attenzione particolare in mente, che si tratti di ottenere un buon lavoro, un’istruzione, la salute o il massimo del tempo libero e del piacere.

È vero che a volte ci sono cose positive inaspettate che accadono a un nuovo immigrato. Per esempio, come turista, scoprire una nuova gemma sotto forma di un luogo attraente che non era nel programma di viaggio è un imprevisto positivo. Allo stesso modo, un candidato che trova un nuovo lavoro subito dopo l’arrivo è positivo.

Ma ciò che rimane impresso nella mente di molti sono gli imprevisti negativi. Prendiamo ad esempio il fatto di dover accettare un lavoro non qualificato pur essendo così qualificati o di essere senza casa in un paese ricco… Questi eventi possono sembrare poco significativi, ma accadono un giorno sì e l’altro pure.

Quando le cose non vanno come previsto

Con un atteggiamento di vera avventura e di ricerca di opportunità, tutti sembrano sempre trascurare la possibilità che le cose vadano male. Ma è un’idea divina sapere che la vita è così casuale e che può sempre sbilanciarti, ovunque e in qualsiasi momento.

Anche se c’è una linea molto sottile tra il fallimento, l’impazienza e le cose che girano al ribasso, diciamo che in qualche modo uno sperimenta cose che lo costringono a uscire dalla traiettoria. C’è un desiderio insaziabile e assillante di arrivare in fretta alla linea del traguardo.

Al momento di lasciare la propria casa per una nuova destinazione, la famiglia, gli amici e i parenti si aspettano che la loro vita cambi grazie a voi. Nel caso dei viaggiatori di piacere, le persone a casa aspettano di sentire i racconti delle esperienze perfette vissute sul posto. Tutta questa pressione messa insieme può essere così opprimente.

Nella maggior parte dei casi, le persone sono portate a dare la priorità alla necessità di ottenere risultati in tempi brevi e a pensare che le esperienze in un posto nuovo valgano la pena di essere raccontate per tutte le buone ragioni. Sono tentato di chiamarla l’ossessione del benessere che fa parte della vita umana. Ma guardate la cosa da questo punto di vista: potrebbe essere solo un caso di eccessiva aspettativa nei confronti del bene, di impazienza o di ingenuità?

Come affrontare le sorprese e le realtà inaspettate in un posto nuovo

In qualsiasi forma o colore, le persone attraversano in un modo o nell’altro situazioni che non avevano previsto. Ad esempio, le differenze nella struttura del mercato del lavoro, nelle pratiche di carriera, nei sistemi di istruzione e così via non garantiscono che le cose siano ovviamente rosee.

Come consiglio, è necessario fissare aspettative realistiche e andare avanti con la realtà. C’è una caratteristica di stress, autocommiserazione e disperazione che si verifica quando si diventa troppo duri con se stessi per ottenere ciò che ci si aspettava. In effetti, sono frequenti i casi di comportamenti insensati e irresponsabili, come l’abuso di droghe, per coprire lo stress.

Per far fronte alle nuove realtà del luogo di destinazione, è importante evitare la rigidità e aprirsi a nuove strade. Questa nuova realtà non significa rinunciare a tante cose. Semplicemente, si rimane concentrati sul premio finale, ma si lascia che il processo fluisca con la realtà.

Il valore della pazienza quando si vive in un nuovo ambiente

Il coaching sulle abilità di vita in una nuova destinazione non è mai abbastanza. Le persone le vivono a modo loro e reagiscono in modo diverso. Le situazioni inaspettate possono essere materiali o emotive, ma in entrambi i casi sono ampiamente drenanti.

Le persone che hanno vissuto a lungo o solo temporaneamente in un nuovo posto vi diranno il valore della pazienza. In un posto nuovo, siete un nuovo arrivato, il che significa che le cose non cambieranno nel modo in cui volete. Invece, siete sempre voi a dover cambiare il vostro processo di pensiero e le vostre aspettative per allinearle alla realtà.

Perciò, il processo di adattamento a ciò che è reale sul terreno a volte crea molte emozioni, di smarrimento e di disperazione. Ma se si capisce che bisogna aspettare un po’ prima che le scoperte arrivino in un nuovo Paese, non è mai troppo tardi.

I modi migliori per superare gli imprevisti in un posto nuovo

Sarebbe ingenuo abbandonare le proprie aspettative solo perché non sembrano arrivare prima del previsto. È consigliabile non perdere di vista l’obiettivo di ottenere ciò che si vuole e nel frattempo essere aperti alle opportunità intermedie che si presentano lungo il cammino.

Coloro che mantengono una mentalità aperta ed evitano l’ossessione di ottenere tutto in fretta alla fine raccolgono grandi frutti dalla loro scelta di soggiornare in un nuovo luogo.

Come dicono i senior, quando si ha gli occhi puntati su un particolare risultato, ogni svolta inaspettata lungo il percorso è solo una sfida che alla fine serve come trampolino di lancio.

Definire aspettative realistiche come immigrato

Per quanto si dica vagamente che viviamo in una comunità globale, la verità è che quando si esce dal proprio Paese di cittadinanza, le cose non possono essere le stesse. Forse le cose possono andare bene con il tempo, ma non subito all’arrivo.

Normalmente, chi parte per una nuova destinazione ha una mentalità che prevede che le cose funzionino in modo più lineare e senza sfide. Tuttavia, al momento dell’arrivo, è necessario in qualche modo reimmaginare le aspettative e allinearle alla situazione sul campo.

Avere aspettative e obiettivi realistici in un nuovo Paese evita a qualcuno il peso di dover passare troppo tempo ad agonizzare nel caso in cui le cose ritardino ad accadere come previsto.

Ricordare il passato, ma guardare al futuro

In alcuni casi, è probabile che le persone prendano in considerazione l’idea di tornare nel luogo da cui provengono non appena si rendono conto che il raggiungimento delle aspettative potrebbe non essere così rapido. Per loro, è meglio affrontare i bassi risultati in patria che all’estero. Tuttavia, questo è un quadro mentale sbagliato da avere come immigrato.

È bene conservare il passato, le realtà di casa e le opportunità lasciate lì, ma non è consigliabile tollerare l’idea di tornare indietro così velocemente. È importante essere pronti a costruire la vita da zero, consapevoli del fatto che potrebbe non essere così facile ma gestibile.

Il passato e le aspettative in questi nuovi luoghi dovrebbero ispirarvi a dedicare più ore a ciò che state facendo, a mantenere la dedizione e a mettere il mattone sulla malta finché non migliora.

Imparare la nuova cultura, cercare di gestire i nuovi ruoli ed evitare i conflitti.

Gran parte delle frustrazioni legate alle esperienze inaspettate è dovuta al fatto che gli immigrati vivono in una condizione di negazione che rende difficile abbracciare la realtà. In parte è dovuto al fatto di non aver accettato di far parte della nuova cultura del luogo.

Per una questione di sopravvivenza e di ampia capacità di adattamento, è importante essere proattivi nell’apprendere la nuova cultura, accettare i nuovi incarichi e i nuovi conflitti. In fin dei conti, avete scelto volontariamente di trasferirvi lì e dovete adattarvi.

Quando si impara a conoscere la cultura ospitante, lentamente si inizia a sentirsi parte della comunità e, in breve tempo, ci si immerge in essa. Questa è la tattica che funziona per le persone.

Imparare la lingua, cercare lavoro o ricevere un’istruzione

Come ci si aspetta, la lingua è un mezzo importante per entrare in una società. In quanto immigrati, le vostre aspettative si basano su quanto sarete in grado di interagire con i padroni di casa, che alla fine determineranno il modo in cui tutto il resto si svolge.

Imparare la lingua del paese ospitante è solo un passo molto corticale per semplificare la vita e vivere in qualche modo le proprie aspettative.

Inoltre, seguite dei corsi di formazione brevi o anche l’università, in modo che il vostro pensiero sia allineato alle aspettative industriali del Paese. Anche in questo caso, siate aggressivi nel cercare altri lavori e adattate la vostra esperienza professionale a ciò che si distingue per i datori di lavoro nel nuovo ambiente in cui vivete.