Norvegia Introduzione

Una piccola introduzione alla Norvegia

Conoscere la Norvegia e le attrazioni più popolari. Abbiamo anche una guida completa se volete saperne di più su come si vive da espatriati in Norvegia.

Il mito

La storia culturale norvegese ha molte storie accattivanti che difficilmente avrete sentito prima. Qui troverete i miti sulla Norvegia e sulle origini delle nazioni nordiche. Ne citiamo uno in particolare. La saga narra che ciò avvenne nella storia dell’ur: Nell’estremo nord, dove regnano neve, ghiaccio e freddo, i paesi erano governati da un gigante.

In un paese lontano, c’era un gigante che governava. Il gigante aveva due figli, Nor e Gor, e una figlia, Goe. Goe era la più bella di tutte, ma nessuno era degno di sposarla. Un giorno, i fratelli andarono a lavorare nei campi e si allontanarono da casa al tramonto. Quando arrivò la sera, i fratelli avevano fame, così tornarono a casa. Ben presto scoprirono che Goe non era in casa. Hanno cercato ovunque senza fortuna.

Spinti dall’amore per la sorella, i due fratelli uscirono a cercarla. Il sole è sorto e tramontato, molte volte. Infine, scoprirono un paese bellissimo e, stanchi di cercare, avevano quasi rinunciato a trovare la sorella. Ora erano decisi a sistemarsi. Così hanno condiviso tra loro il Paese appena scoperto.

La saga afferma che Nor ottenne l’entroterra e lo chiamò Norvegia perché era padrone della terra. Suo fratello, Gor, ottenne le isole perché padroneggiava il mare. Con il tempo hanno trovato la loro sorella. Goe viveva con Rolf di Berg, figlio del grande jotungen di Dovrefjell – il capostipite di tutti i buoni re di Norvegia.

Secondo il mito, la Norvegia, da questa origine, ha avuto origine gli dei e gli uomini.

Punto di vista Gudbrandsjuvet, Norvegia, Scandinavia
Punto di vista Gudbrandsjuvet, Norvegia,

Norvegia – Dal passato al presente

Con oltre 5 milioni di abitanti, la Norvegia è il più piccolo dei Paesi scandinavi in termini di popolazione totale. Dalle splendide città del sud al nord artico, c’è più di una montagna da scalare, un fiordo da attraversare e esseri mitici in agguato nel buio. La varietà è eccezionale e offre l’opportunità di creare ricordi che durano tutta la vita.

La Norvegia come nazione attuale esiste da appena 200 anni. Rispetto al resto del mondo, non è passato molto tempo. Nel 1814, la Norvegia era in unione con la Danimarca e, in quanto alleata di Napoleone, era dalla parte dei perdenti. Dopo 450 anni di unione con la Danimarca, la Norvegia passò alla Svezia nell’ambito del trattato di Kiel e dopo una breve guerra ottenne la sovranità. Così, il giorno nazionale della Norvegia si celebra il 17. maggio per commemorare la creazione della sua costituzione.

Nel corso della storia, la Norvegia è stata una nazione di mare. Negli ultimi 40 anni, il petrolio e la tecnologia offshore hanno superato i prodotti agricoli e il pesce come principali prodotti di esportazione. Anche se la pesca svolge ancora un ruolo importante nell’economia norvegese. Particolarmente nota per i fiorenti mercati del pesce è la costa nord-occidentale, che va da Bergen ad Aalesund.

Il Museo norvegese del petrolio a Stavanger
Il Museo norvegese del petrolio di Stavanger

Lofoten

Le Lofoten sono un arcipelago della Norvegia settentrionale che sulla carta geografica si staglia come una lingua uncinata nell’Atlantico. Le Lofoten sono costituite da est a ovest dalle isole Austvågøya, Gimsøya, Vestvågøya, Flakstadøya e Moskenesøya, e dalle isole più isolate di Værøy e Røst. A questo si aggiungono tante piccole isole. Le isole Lofoten sono caratterizzate da isole che sembrano montagne che spuntano direttamente dal mare, cosa che diventa tanto più evidente quanto più ci si allontana dall’arcipelago. Le Lofoten sono piuttosto grandi (1.226 km2). Ma è comunque consigliabile scegliere la bellissima Reine, un villaggio di pescatori nelle Lofoten esterne. Un altro candidato è Henningsvær, un altro campo di pesca nell’entroterra delle Lofoten, che si affaccia sulla costa montuosa delle Lofoten. Le Lofoten hanno una ricca avifauna, tra cui le pulcinelle di mare che nidificano. Se si fa una gita in barca, si possono vedere foche e orche.

Barche da pesca Reine Lofoten
Barche da pesca Reine Lofoten

Pesca nella Norvegia settentrionale

La Norvegia settentrionale offre oceani blu che ospitano alcune delle più dense popolazioni di pesci. È qui che la Corrente del Golfo incontra le acque fredde e ricche di sostanze nutritive dell’Oceano Artico, dove ogni inverno i merluzzi artici norvegesi raggiungono le Lofoten per deporre le uova e dove nei mesi invernali si svolge la più grande pesca di merluzzi al mondo. Per continuare la festa, i merluzzi si avvicinano alla costa in estate e attirano i pescatori che vogliono sperimentare una delle migliori e gustose catture. Il merluzzo costiero, l’ippoglosso, la rana pescatrice, l’eglefino, lo scorfano e diverse altre specie ittiche si trovano tutto l’anno. Alcuni dei migliori fiumi di salmone d’Europa si trovano nella Norvegia settentrionale, mentre in innumerevoli laghi e fiumi si trovano trote e salmerini. In alcuni fiumi sono presenti anche specie orientali come lucci, coregoni, temoli e persici. La pesca in mare è libera per i pescatori e ci sono un gran numero di strutture che offrono alloggio e noleggio di barche e attrezzature per la pesca in mare. Gli amanti della pesca d’acqua dolce possono trovare un lago o un fiume tutto per loro, c’è molto spazio e molti pesci nella natura della Norvegia settentrionale.

Capo Nord

Capo Nord è, contrariamente a quanto si possa pensare inizialmente, il luogo più visitato della Norvegia. Non solo per il bellissimo ed enigmatico sole di mezzanotte, ma anche per la natura sorprendente e le bellissime luci che si verificano durante il sole di mezzanotte, un fenomeno naturale. Se gli dei del tempo sono contenti, il sole può essere visibile per ben 24 ore durante il solstizio d’estate! Il fenomeno si verifica durante i mesi estivi, dal Medio maggio all’ultimo luglio, ed è visibile solo sopra il Circolo Polare Artico. L’effetto del sole di mezzanotte può causare difficoltà a dormire e una sensazione di elevazione. Forse è per questo che è anche un luogo popolare per le proposte di matrimonio.

Capo Nord, Norvegia
Capo Nord, Norvegia

Fiordi della Norvegia

La crociera nei fiordi è una delle scelte più popolari dei turisti che visitano la Norvegia. I viaggi durano di solito 7-10 giorni per godere al meglio dell’esperienza. Rinomato in tutto il mondo per l’atmosfera rilassante, la varietà e l’esperienza unica.

Ci sono più di 1200 fiordi in Norvegia. Le lunghe coste norvegesi hanno i fiordi più lunghi del mondo, superati solo dalla Groenlandia. L’atmosfera paesaggistica li caratterizza con ripidi versanti che tagliano il paesaggio, cascate e piccoli habitat che li affiancano. I fiordi sono nati grazie ai ghiacciai che hanno tagliato le montagne e le rocce fino a 9000 anni fa. Alcuni di essi sono stati inseriti nella lista dell’UNESCO e non sorprende che le visite ai fiordi siano così popolari.

Flydalsjuvet Geiranger
Flydalsjuvet Geiranger

Geirangerfjorden

La Norvegia è nota per i suoi fiordi e il più bello e fresco è, a detta di molti, il fiordo di Geiranger. Il fiordo è lungo 15 km ed è un ramo del Sunnyvlsfjorden, che a sua volta è un ramo dello Storfjorden. Il Geirangerfjord è circondato da diverse cime montuose alte oltre 1600 m, che scendono ripidamente verso l’acqua. In questo modo è possibile vedere da vicino l’intero versante della montagna, dalla valle alla vetta, uno spettacolo impressionante. Sulle colline del fiordo si trovano quattro antiche fattorie, di cui la popolare Skageflå, di fronte a una cascata – le Sette Sorelle – può essere raggiunta attraverso un trekking mozzafiato sopra le scogliere sullo schermo inferiore. Uno spettacolo comune nel fiordo sono due o tre grandi navi da crociera ancorate fuori Geiranger, piene di turisti desiderosi di esplorare. Non è un problema essere soli, perché la maggior parte dei turisti visita solo la città di Geiranger e i punti panoramici lungo le strade.

Preikestolen a Stavanger
Preikestolen a Stavanger

Norvegia – Terra delle 1000 montagne

Sapevate che solo il 10% delle terre norvegesi è adatto allo sfruttamento agricolo? L’associazione norvegese di trekking elenca 10 dei percorsi più popolari. In cima si trova Preikestolen, situato a circa 2 ore di auto da Stavanger.

Il Preikestolen(la roccia del Pulpito) è una spettacolare sporgenza rocciosa di circa 600 m direttamente sopra il Lysefjorden. Il Preikestolen è grande circa 25×25 m e tre dei suoi lati scendono quasi direttamente verso il basso. Il Ledge si è probabilmente formato durante l’era glaciale (circa 100.000-10.000 anni fa), quando un ghiacciaio copriva il Lysefjord. L’acqua, penetrata nelle fessure della parete rocciosa, si è congelata e ha fatto volare via grossi pezzi di pietra che sono stati portati via dal movimento del ghiacciaio. Rimane la creazione angolare. Attraverso la Roccia del Pulpito c’è una chiara frattura, ma i geologi sono abbastanza sicuri che la Roccia del Pulpito non si sgretolerà entro le prossime migliaia di anni. È abbastanza facile raggiungere la Roccia del Pulpito. Andare in auto o in autobus fino alla baita Preikestolshytta, e poi camminare per circa 3 km.

Altri itinerari degni di nota sono Besseggen, Gaustatoppen e Kjerag.(Per saperne di più clicca qui)

Ghiacciaio Bodalsbreen Loen
Ghiacciaio Bodalsbreen Loen

Camminare sui ghiacciai è un’attività emozionante che ha una lunga tradizione in Norvegia. Anche se può essere allettante provare da soli, può essere molto rischioso. Diversi luoghi nelle montagne e nei ghiacciai del Paese dove le guide alpine abituali dei ghiacciai guidano gli escursionisti sopra il ghiaccio

Sport estremi – Provate l’estremo!

Volete lanciare una sfida a voi stessi? Se siete interessati al rafting, al kayak fluviale, al trekking nei canyon o all’arrampicata su roccia, troverete quello che cercate: sport a motore, immersioni, parasailing, kite surf e molto altro. Gli sport estremi sono nel vento

Pausa caffè da Nivane
Pausa caffè da Nivane

Tutti i tipi di estremo stanno diventando sempre più popolari. Persino le panchine e le scale dei parchi nei centri urbani vengono utilizzate per spettacolari acrobazie di persone che fanno parkour e le famiglie fanno downhill bike nei bike park che spuntano nelle località turistiche norvegesi. Gli estremi appaiono nelle produzioni cinematografiche, televisive e pubblicitarie e molti sono tentati. L’evento Extreme Week di Voss ottiene un’ottima copertura da parte della stampa e ha contribuito notevolmente all’interesse per gli sport estremi. Qualunque cosa troviate, dovreste essere in grado di ottenere il calcio che cercate, spesso con un’esperienza naturale estrema.

La Settimana estrema di Voss è gestita dalla Fondazione Extreme Voss. La fondazione comprende il Voss Rafting Club, il Voss Kayak Club, il Voss Hang and Paragliding Club e lo Skydive Voss. Simbolo dell’evento sono i quattro elementi: acqua, aria, terra e fuoco. Qui troverete base-jumping, potholing, paracadutismo, deltaplano, kite, arrampicata, long boarding, mountain bike e BMX, parapendio e rafting. (Leggi tutto)

Persona in kayak in cascata-Voss
Persona in kayak in una cascata a Voss, Norvegia

Kayak

La Norvegia è un grande Paese dalla bellezza selvaggia. La primavera costiera rende la Norvegia un paradiso per gli amanti del kayak e della canoa. La Norvegia ha anche migliaia di bellissime acque nell’entroterra che sono adatte alla pagaiata.(Per saperne di più clicca qui)

Cultura costiera

La cultura costiera è la memoria che le persone hanno creato nella zona costiera e nelle aree costiere. Il patrimonio culturale è legato al mare come fonte di cibo e via di comunicazione con i villaggi di pescatori, i centri commerciali, le pensioni, le città costiere e le città mercato, le imbarcazioni grandi e piccole, i fari, i fari e le industrie costiere. La breve distanza dal mare e dalla costa ha lasciato un segno nel Paese.

La storia culturale è un’importante attrazione per i turisti. Molti villaggi di pescatori tradizionali lungo la costa possono mostrare piccoli appartamenti e case pittoresche. Esistono numerosi musei costieri e della pesca e collezioni di vario genere. La costa è anche ricca di festival e di attività artistiche e culturali locali. I prodotti ittici locali fanno parte di questo contesto.

Finnmark, Norvegia
Finnmark, Norvegia

I turisti che vengono in Norvegia sono interessati al cibo norvegese. Palla di patate, formaggio di capra, fragole norvegesi, mirtilli, pesce e lucciole sono solo alcune delle numerose varietà che la Norvegia ha da offrire.

Popolo Sami

I Sami sono un popolo indigeno della Norvegia e un gruppo etnico minoritario che vive in Norvegia, Svezia, Finlandia e nella penisola di Kola in Russia. La maggior parte dei Sami vive in Norvegia, circa 50000. La Lapponia dei Sápmi si estende in Norvegia dal Finnmark a nord al Femunden a sud. In precedenza i Sami erano considerati un popolo seminomade di cacciatori e pescatori, con l’allevamento di renne che era l’industria dominante. La pastorizia delle renne è ora modernizzata con l’aiuto delle motoslitte, ma le renne vengono ancora catturate in modo tradizionale utilizzando il lazo.

Bergen Norvegia
Bergen Norvegia

Altro da esplorare

La Norvegia ospita alcuni dei siti più spettacolari del mondo. Il Paese attira visitatori da tutto il mondo, ma anche i norvegesi stessi sono bravi a viaggiare all’interno del proprio Paese. La Norvegia ha una natura violenta, ma data la vicinanza di questi siti, ancora relativamente pochi li hanno visitati. Qui si trovano luoghi che molte persone sognano solo di visitare.

Autore foto
Data di pubblicazione:
Autore: Ludvig
Ludvig is the owner and driving force behind Scandinavia.life. A native Norwegian with ties to Denmark, Sweden and Finland, he is the perfect guy to guide you through the delights of Scandinavia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *