Addio alla Scandinavia

“Addio Scandinavia” può essere l’ultima cosa che un espatriato desidera dire. Una volta che si è vissuto in Scandinavia per un paio di mesi o per anni, il sistema si è rapidamente impadronito di noi. Significa che il carico emotivo che deriva dalla partenza è quasi schiacciante.

Come parte del lungo processo di integrazione in Scandinavia, le persone imparano la lingua, la cultura, i cibi e molto altro ancora. Una volta fatto tutto questo, si inizia automaticamente a sentire il calore di essere a casa lontano dal proprio Paese di nascita. Quindi, lasciare la Scandinavia potrebbe non essere così semplice come fare le valigie, uscire dal sistema e salutare tutti gli altri.

Sia come sia, quando arriva il momento di lasciare la Scandinavia per un’altra destinazione o per il proprio Paese, voi, in quanto espatriati, dovrete adeguarvi. Alcuni dei motivi che possono spingere a partire sono: l’assunzione di nuovi incarichi altrove, il completamento di un tour o la pura e semplice voglia di tornare a casa.

Cosa fare quando si lascia la Scandinavia

Una caratteristica dei Paesi scandinavi, Danimarca, Svezia e Norvegia, è il loro modo di fare rigoroso e organizzato. Il livello di organizzazione dei Paesi è incentrato sul raggiungimento del massimo livello di efficienza possibile. Fa parte del DNA scandinavo essere al top di tutto, come si vede nel loro sistema sociale, nelle attività quotidiane, nell’accoglienza degli stranieri e così via. Questo significa solo che quando si parte, bisogna farlo in modo sistematico.

Oggi, tante persone che hanno vissuto in Scandinavia non conoscono ancora alcune procedure da seguire nell’improbabile caso in cui debbano partire. È improbabile perché solo poche persone vorranno andarsene comunque. La ragione di questa ignoranza è in parte dovuta al fatto che non molti si prendono il tempo di capire le regole del Paese in cui vivono o che le leggi cambiano continuamente.

Partenza degli espatriati dalla Scandinavia

In effetti, il forte sistema sociale praticato in Scandinavia non permette a nessuno, nemmeno agli espatriati, di svegliarsi da un giorno all’altro, fare le valigie e partire. La Scandinavia funziona su sistemi e tali sistemi sono programmati. Nel caso in cui vogliate andarvene, qualcuno deve dire al sistema: “Ehi, il nostro sistema superiore, così e così se ne va”… aha! Cioè un rappresentante del governo o del comune dovrà avviare il processo di autorizzazione. Solo dopo che il sistema è stato sollecitato, tutto il resto inizia a girare per elaborare la partenza.

Ad esempio, quando si arriva come studenti, il permesso di soggiorno dura fino all’ultimo giorno di studio. Tuttavia, ciò non significa che non possiate partire prima della data documentata. L’unica cosa da fare in questo caso è comunicare alle autorità che non sarete più in giro. A partire da questo avviso, il sistema inizierà a elaborare la vostra uscita.  

Comunicare all’anagrafe la partenza

Ogni Paese scandinavo ha tempi o casi propri che richiedono di notificare all’anagrafe la partenza. In Danimarca, ad esempio, qualsiasi situazione che costringa a rimanere fuori dal Paese per un periodo di sei mesi o più deve essere segnalata.

I requisiti richiesti dipendono anche dallo status che avete nel Paese. È opportuno verificare con attenzione gli obblighi di cancellazione dal registro nazionale quando si lascia la Scandinavia. Il vostro status può essere di residente permanente, cittadino, residente temporaneo o altro.

Mettete in ordine la vostra pensione

Se siete stati lavoratori in Scandinavia, il Paese in cui vivete richiede che la vostra pensione accumulata durante il periodo venga elaborata per voi. Anche se a molti sfugge questo aspetto e lasciano che tutto vada perduto. Per quanto il sistema debba elaborare la pensione, non lo fa senza il vostro intervento.

La pensione non implica necessariamente che venga erogata solo quando si va in pensione e si raggiunge la vecchiaia. In realtà, chiunque abbia maturato una pensione in Scandinavia ha diritto a vedersela versare quando lascia definitivamente il Paese. Questo pagamento deve essere effettuato indipendentemente dal raggiungimento dell’età pensionabile. L’unica avvertenza è che il sistema è impostato in modo tale che la richiesta di pensione prima del pensionamento comporta un pesante prelievo fiscale. In Danimarca, ad esempio, ogni richiesta di pensione prima del pensionamento è soggetta a un prelievo fiscale del 60%.

Controlla i tuoi vantaggi

Prima di lasciare la Scandinavia, la maggior parte delle persone sbaglia a controllare i propri benefit e a richiedere tutto ciò che è dovuto. Nella maggior parte dei casi, le persone che finiscono per lavorare in Scandinavia dall’estero non sono abbastanza diligenti da conoscere le richieste, i diritti e gli obblighi della legge.

Per ignoranza, le persone finiscono per lasciare che i loro benefici, guadagnati con fatica, vengano restituiti alle casse dello Stato. Immaginate di aver lavorato in Scandinavia per anni, cinque, dieci, quindici o più anni, ma di non aver chiesto di essere pagati per quello che vi spetta. Per quanto possa risultare fastidioso, il sistema funziona in modo tale che, dopo un determinato periodo, tutti i benefici dei lavoratori non reclamati vengono automaticamente restituiti allo Stato  .

Per tutte le questioni riguardanti le prestazioni, gli obblighi fiscali e tutto ciò che riguarda il lavoratore, è bene rivolgersi all’autorità fiscale. Nella maggior parte dei casi, tutte le detrazioni risparmiate vengono effettuate dall’autorità fiscale, che poi le invia agli altri enti, come i piani pensionistici.

Verificate se avete risparmiato denaro per le vacanze, pagamenti per l’organizzazione del lavoro, pagamenti rimborsabili effettuati ovunque e così via. Nessuno si prenderà la briga di ricordarvi di chiedere le prestazioni dovute. In ogni caso, si presuppone che siate in Scandinavia per tutta la vita. Inoltre, contattate tutti i vostri attuali e precedenti datori di lavoro per informarli della vostra partenza.

Avvisare il locatore

In Scandinavia il piano abitativo prevede che l’inquilino abbia il dovere di dare al locatore un preavviso di ferie. Come in qualsiasi altro sistema, si presume che il cliente vivrà abbastanza a lungo da garantire la continuità dell’affitto. Pertanto, ogni volta che si ha la necessità di partire, è importante comunicarlo in tempo al locatore. Poiché per affittare una casa si paga una caparra, questa può essere restituita solo se si rispetta il periodo di preavviso consentito.

È anche possibile che si dia un breve preavviso quando si lascia un appartamento in affitto. L’unica conseguenza di un preavviso così breve è che si finisce per perdere il deposito. Si spera che nessuno ami perdere il deposito per l’affitto in questo modo. Per sapere quando è opportuno dare un preavviso per le ferie, è bene controllare attentamente i termini del contratto di locazione.

Cessione di attività in Scandinavia

È quasi certo che nessuno lascia la Scandinavia nello stesso modo in cui è arrivato. Dopo aver vissuto lì per anni, avrete dei beni a vostro nome. Ho battezzato la Scandinavia come una terra dalle opportunità illimitate, il che significa che possedere una o due attività è una possibilità elevata. Una cosa è che troverete sempre un lavoro in Scandinavia.

Probabilmente, nel momento in cui decidete di andare a vivere in un altro Paese, possedete un’auto, una casa, un’attività commerciale o altro. Questi beni potrebbero non essere facilmente trasferibili nel Paese in cui ci si trasferisce. Per questo motivo è necessario pianificare la gestione dei beni quando si è lontani o quando si è in procinto di smaltirli.

Due cose: una è che potete decidere di continuare a possedere i beni anche quando vi siete trasferiti. Gli stranieri possono continuare a possedere beni immobili in Scandinavia, purché siano gestiti secondo la legge. La proprietà di tali beni, tuttavia, implica che si continuino a pagare le tasse su qualsiasi reddito generato.

In alternativa, potete semplicemente cedere i beni e ottenere il vostro denaro. La liquidità è più facile da trasferire in un nuovo Paese rispetto alle immobilizzazioni o alla gestione di beni provenienti dall’estero. La scelta è tutta vostra. Per rimediare, rivolgetevi alla consulenza finanziaria e di investimento di esperti professionisti nella gestione del patrimonio.

Preservare e sostenere la buona reputazione della Scandinavia.

Quando lascerete la Scandinavia, ovviamente vi trasmetterà alcune delle migliori caratteristiche, tra cui l’onestà, il rispetto della legge, la pulizia negli affari e il rispetto della diversità. Anche in questo caso, chi vi guarda come ex residente in Scandinavia ha aspettative molto alte su come vi comportate.

Per cortesia, dovreste mostrare che scandia vive ancora nella vostra vita anche quando ve ne siete andati. Il nostro obiettivo è quello di creare un cambiamento positivo e lasciare che le persone facciano le cose nel modo corretto. Non intraprendete attività che portino mancanza di rispetto alla Scandinavia e non cercate in alcun modo di sabotare una regione che vi ha ospitato per tanto tempo.

La Scandinavia è sempre pronta a riaccogliervi, purché abbiate un curriculum pulito e siate stati dei buoni ambasciatori. Se avete un carattere discutibile o siete impegnati in attività che portano discredito, sarà molto difficile che la Scandinavia vi riaccolga.

Autore foto
Data di pubblicazione:
An avid storyteller and passionate writer with a penchant for letting people know that which they don't know while at the same time telling people more about what they may already have known. At the end, you stay informed, be curious, and get cosy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *