Dio della guerra norreno

This post is also available in: Inglese Norvegese Bokmål Danese Finlandese Svedese Estone Lettone Lituano Arabo Cinese semplificato Francese Tedesco Giapponese Polacco Russo Spagnolo Ungherese Ucraino Olandese

Il dio norreno della guerra fa parte della ricca mitologia norrena. La mitologia norrena conta fino a dodici importanti divinità il cui posto nei miti della regione nordica è molto apprezzato. Oltre al dio della guerra, Tyr, altri undici dei norreni sono Odino, Thor, Balder, Vidar, Vale, Brage, Heimdall, Njord, Froy, Ull, Forseti e Frigg.  

Cosa sono gli dei norreni?

Per comprendere meglio gli dei norreni, un po’ di storia su come si sono guadagnati il loro spazio nella mitologia è un punto di partenza migliore. Le divinità possono essere fatte risalire alIX secolo d.C. dalle tribù germaniche del nord.

Le storie sugli dei norreni hanno acquisito popolarità attraverso le generazioni sotto forma di poesie, fino a quando non sono state messe in testo tra l’XI secolo e ilXVIII secolo. La mitologia norrena riguarda i miti e le credenze precristiane del popolo scandinavo.

Mitologia norrena

È il quadro mitologico della Scandinavia, che si è affermato durante l’epoca vichinga. La mitologia norrena comprende i racconti di diversi eroi, esseri e divinità provenienti da varie fonti prima e dopo il periodo del paganesimo. Inoltre, contiene tutti i tipi di esseri mitologici e mondi variegati.

Fonti principali degli dei norreni

Per ottenere un quadro chiaro e dettagliato delle credenze e dei miti, è necessario rimuovere gli strati di storia. Pertanto, quando si parla di divinità norrene, le informazioni su di loro sono scarse perché sono state messe per iscritto tardivamente. La mitologia norrena è attestata principalmente nei dialetti del Vecchio Nord. Per saperne di più sul norreno antico, visitate il sito oldnorse.org Si tratta di una lingua germanica classica del Nord, utilizzata dal 1150 al 1350.

Il principale Dio della guerra norreno

Gli dei norreni appartenevano principalmente a due clan Vanir e Æsir. I rappresentanti degli Æsir sono Tyr, Heimdall, Hod, Balder, Odino, Thor e Loki e sono considerati gli dei principali. Per quanto riguarda il secondo clan, i membri di spicco sono Freyja, Freyr e Njord. Nonostante i dissensi, le due famiglie unirono i loro ideali e i loro poteri per prosperare.

Tyr; il dio della guerra

Tyr era il guerriero più coraggioso e un dio norreno della guerra. Inoltre, era un membro della tribù degli Aesir e si batteva per la giustizia e l’ordine. Sebbene rappresentasse lo spargimento di sangue e la guerra, era noto per portare ordine e giustizia al popolo. Aveva una natura contraddittoria, che nasce dal fatto che le persone non sono informate su di lui o meglio mancano di informazioni chiare e approfondite su di lui.

Tyr è famoso per aver lottato contro Fenrir, noto anche come il mostruoso mastino, e in quell’occasione perse il braccio. Un’origine germanica della divinità è anche legata alla mitologia norrena nei primi secoli dell’era comune. La sua importanza è andata scemando nonostante fosse una figura potente e famosa nella religione germanica. Inoltre, la sua notorietà è nata dall’uso della lettera “T” e del martedì che significava giorno di Tyr.

Per gli individui germanici, Tyr è ritenuto uno degli dei più antichi e una figura enigmatica. È il dio che si occupava delle formalità di guerra, soprattutto dei trattati, ed era responsabile della giustizia. Nel suo ruolo di custode di giuramenti e garante di contratti, il famoso mito che lo riguarda è quello di mettere le mani tra le mani di Fenrir, mostruoso lupo, mentre intendeva tendere una trappola e fingere uno sport per il lupo.

Significato e origine di Tyr, il dio norreno della guerra

Il nome di Tyr significa “dio” e deriva dalla parola protoindiana “dyeus”. Il termine era riservato principalmente alle divinità più potenti, e questo significa che Tyr potrebbe aver ricoperto tale posizione. Sfortunatamente, l’importanza di Tyr è diminuita durante la registrazione dei primi norreni.

Oltre a essere un guerriero coraggioso, Tyr era un paladino della giustizia e una fonte di saggezza. La descrizione dettagliata di Tyr è tratta dal libro dell’Edda in prosa alla voce Gylfaginning. L’Edda in prosa lo descrive come una persona audace, con un cuore robusto e con molta autorità per vincere in battaglia. Ha superato anche gli altri uomini, è l’uomo più saggio ed è anche chiamato Tyr prudente. L’attributo più noto di lui è la mano mancante.

Famiglia di Tyr

Il padre di Tyr è sconosciuto; potrebbe essere il figlio di Hymir, un gigante, o di Odino, il re degli dei. Sebbene la madre non sia menzionata, la nonna è descritta come una donna con circa novecento teste. Nonostante ciò, la maggior parte degli studiosi sostiene che Odino sia il vero padre di Tyr, come dimostra il dialogo di Snorri Sturlusons nello Skáldskaparmál.

L’impatto della mitologia di Tyr sui Nordici

Tyr fornisce una lezione ai nordici e agli uomini moderni sull’importanza del sacrificio di sé. L’azione di Tyr è coraggiosa. Nella maggior parte dei casi, le persone hanno delle scuse per le loro azioni sbagliate, come ad esempio farsi coraggio assumendo droghe e rimproverando gli insegnanti. Ecco le cose che i Nordici possono imparare da Tyr, il dio della guerra:

Farsi coraggio

Come sono le persone coraggiose? Nella mitologia norrena, Tyr è considerato un simbolo di coraggio, in quanto è l’unico dio che si è offerto volontario per nutrire il gigantesco lupo Fenrir. All’inizio, quando gli dei decisero di allevare Fenrir, si trovarono di fronte a diverse sfide e temevano che Fenrir li avrebbe divorati. Così, nessuno poteva nutrire o avvicinarsi al lupo, eppure Tyr era così coraggioso da farlo.

Mantenere le parole

Dalle azioni di Tyr, i Nordici possono imparare a essere persone di parola per rappresentare qualità di onore e giustizia. Tyr era un uomo di parola perché quando gli dei cercarono di legare il lupo con catene magiche, il lupo sostenne che gli dei avrebbero dovuto giurare di non ingannare il lupo. L’unico dio che si offrì volontario per mettere le mani nella bocca di Fenrir fu Tyr.

Sebbene Tyr avesse la possibilità di ritirare prima le mani dalla bocca, non lo fece. Invece, ha accettato la perdita di una mano. Egli fece un sacrificio per modificare le cose, e questo agì come un giuramento, che egli adempì. Pertanto, i nordici possono imparare l’importanza di sacrificarsi per migliorare se stessi.