I buoni stipendi da soli non dovrebbero attrarre a lavorare in Scandinavia

La Scandinavia è famosa per la sua prosperità e per la posizione dei suoi rispettivi Paesi nell’indice di felicità globale. Vi rendete conto che i Paesi scandinavi hanno una migliore sicurezza del posto di lavoro e molte opportunità di lavoro. Grazie alle eccellenti condizioni di lavoro e ai solidi sindacati dei lavoratori, quasi tutti i lavori sono trattati con grande riguardo e con strutture formali chiaramente definite. Ma quando pianificherete il vostro prossimo trasferimento per lavorare in Scandinavia, non sarà solo lo stipendio ad attirarvi.

Forse vi starete chiedendo dove tutto questo porta e perché qualcuno possa consigliare che il solo stipendio non sia la calamita che vi attira in Scandinavia. Continuate a seguirci per un po’. Molte persone che cercano e ottengono l’opportunità di trasferirsi in Scandinavia sperano di ottenere lauti stipendi, di comprare auto da sogno, di vivere in case signorili e di ottenere tutte le cose belle della vita. Va bene così. Ma il vostro stipendio non può fare molto.

Le tabelle salariali tipiche in Scandinavia

I Paesi scandinavi offrono alcuni degli stipendi più competitivi che si possano desiderare. Sia che si lavori su base oraria che su base mensile, lo stipendio è buono. Noterete che le tariffe orarie saranno significativamente più alte di quelle ricevute altrove.

Sebbene lo stipendio che si riceve quando si lavora in Scandinavia dipenda da molti fattori, come il tipo di lavoro, i contratti di lavoro, il comune di residenza, l’anzianità e così via, rimane comunque competitivo.

La scala salariale in Danimarca (~DKK 200/ora), Svezia (~SEK 151/ora) e Norvegia (~NOK 200/ora). Questo dato è comparativamente più alto rispetto alla maggior parte dei Paesi europei. Sebbene la maggior parte dei lavori sia soggetta a contratti collettivi che determinano il salario minimo per un settore e i pacchetti, in genere consentono alle persone di vivere una vita significativa.

Forse, fino a questo punto, avete capito tutti i motivi per inseguire i posti di lavoro in Scandinavia e guadagnare gli alti salari. Beh, questa è solo una parte. Tenete presente che le spiegazioni qui riportate non devono spaventare nessuna persona ambiziosa che voglia esplorare. Se non altro, speriamo di aiutarvi a prendere una decisione informata.

Classificazioni professionali tipiche in Scandinavia

Nella maggior parte dei casi, ci si riferisce ai posti di lavoro in Scandinavia come se attirassero gli stessi pacchetti, le stesse tariffe salariali e gli stessi pacchetti. Sì, i contratti di lavoro in vigore garantiranno un trattamento favorevole ai dipendenti, ma altri benefici dipendono dal tipo di lavoro svolto.

Alcuni si trasferiscono in Scandinavia con permessi di lavoro per lavorare in fabbrica, operatori sanitari, professionisti del settore alberghiero e della ristorazione, ingegneri, project manager e altro ancora. Inoltre, alcuni vengono inseriti in programmi a tempo limitato, come coppie alla pari, ricercatori o borsisti post-dottorato. Tutti questi lavori sono accompagnati da un pacchetto di reddito chiaramente indicato.

Per una chiara comprensione, sappiate che il vostro lavoro rientrerà in una qualsiasi di queste categorie.

  • Lavori non qualificati/semispecializzati
  • Lavori professionali
  • Lavori qualificati

Per quanto riguarda i lavori in Scandinavia, ci sono molte barriere all’ingresso, come la cultura del posto di lavoro e la lingua. Per questo motivo, dovete essere pronti a imparare molto rapidamente per poter accedere a un lavoro che corrisponda alle vostre competenze.

Le prime settimane e i primi mesi di lavoro in Scandinavia possono essere caratterizzati da una buona dose di shock. In genere i lavori hanno ritmi elevati e l’esperienza richiede il massimo livello di efficienza. In un certo senso, si ha la sensazione che le persone facciano le cose in modo così rapido ed efficace. Sta a voi abbinarli.

Potreste essere interessati a esplorare le opportunità di lavoro per andare in Scandinavia.

La spiegazione su stipendi e realtà in Scandinavia

Ora arriviamo alla parte amara, che forse non piace a molti. Ma come sapete, l’immigrazione è un affare costoso. Farete festa con il vostro lavoro a casa, rompendo i rapporti costruiti da tempo e andando in un posto completamente nuovo.

Per prendere una decisione consapevole sulla scelta di trasferirsi in Scandinavia, avete bisogno di informazioni pratiche. Uno sguardo equilibrato su cosa significa vivere in Scandinavia vi aiuterà a decidere.

Una persona intelligente sarebbe un espatriato o un immigrato, tutto ciò di cui potreste aver bisogno è di ottenere il maggior numero di informazioni possibili. Se si è informati a sufficienza, soprattutto su cose che sfidano la percezione popolare, si è più preparati a superare le eventuali avversità.

L’errore che la maggior parte delle persone commette sempre è quello di considerare le scale salariali offerte in Scandinavia come quello che si guadagna direttamente a casa. Forse applicano il tasso di cambio prevalente e si sentono entusiasti di accettare il lavoro all’estero.

Quello che spesso si perde di vista è che il reddito deve essere speso in gran parte all’interno del Paese in cui si vive in Scandinavia. Ad esempio, dovrete pagare le bollette, l’affitto, i viaggi, i prestiti immobiliari e altre spese all’interno del Paese.

Prezzi delle materie prime in Scandinavia

Ben presto ci si rende conto che i prezzi delle materie prime in Scandinavia e il costo dei servizi non sono paragonabili a quelli che si pagano nel proprio Paese. In effetti, molte persone trascorrono i primi giorni di permanenza in Scandinavia cercando di riconciliare il prezzo dei servizi o degli articoli in Scandinavia con quello del proprio Paese.

Le tariffe dei beni e dei servizi in Scandinavia, proprio come in qualsiasi economia funzionale equilibrata, rispondono ai livelli di reddito (reddito disponibile). Gli esperti vi diranno che il flusso di cassa deve essere mantenuto in equilibrio per evitare un’inflazione incontrollata ed è questo che vi porterà via lo stipendio.

Tenete presente che il solo affitto in Scandinavia assorbirà un po’ più di un quarto del vostro reddito, mentre altre utenze come l’abbonamento a internet, il riscaldamento della casa e l’elettricità assorbiranno una fetta considerevole. Se anche i prestiti devono essere assistiti, la vostra busta paga si ridurrà drasticamente.

Cosa bisogna fare prima di scegliere di trasferirsi per lavoro in Scandinavia

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è una buona vita per noi stessi e per i nostri cari. Per questo motivo, spesso tendiamo a gravitare verso i luoghi che sono noti per offrire i migliori standard di vita e i redditi più elevati. Ma poi, egoisticamente, dobbiamo pensare di più al quadro generale e a come queste mosse influenzano tutto.

  • Valutare lo stipendio offerto dal vostro nuovo lavoro in Scandinavia
  • Controllare le detrazioni e le imposte che saranno applicate al reddito.
  • Calcolate attentamente l’ammontare delle vostre spese tipiche nel Paese.
  • Rivolgete la vostra attenzione a quali altri benefici non legati al lavoro otterrete in virtù del permesso di soggiorno e di lavoro in Scandinavia, ossia verificate cosa vi offre il solido sistema di sicurezza sociale.
  • Mettete insieme tutti questi elementi e vedete se è davvero lo stipendio a dover fare da traino a qualcos’altro. Seguite dove la ragione vi guida.

Considerazioni finali

La Scandinavia è sempre più una calamita che attrae manodopera internazionale. Gli stipendi che i datori di lavoro offrono invogliano facilmente molti stranieri a lavorare lì. L’idea è che questi stipendi superino di gran lunga quelli offerti nella maggior parte dei Paesi. Quindi, c’è la tendenza a perdere la testa per il solo stipendio.

Sì, lo stipendio può essere competitivo in Scandinavia, ma non è tutto. Quando si tiene conto del costo della vita e di altre spese, l’attenzione si sposta rapidamente. Vi renderete conto che ciò che rende davvero attraente la Scandinavia dovrebbe essere la sicurezza sociale che manca ad altre destinazioni di immigrazione popolari come gli Stati Uniti, almeno non nella misura in cui manca alla Scandinavia.